Skip to content
Creme e Trucchi

Estee Lauder

LA STORIA DEL BRAND

Josephine Esther “Estée” Mentzer 1919.

La stella del palcoscenico

Estée si divertiva all’idea di diventare attrice, credendo che “le attrici erano l’epitome della bellezza”. Calcò perfino il palcoscenico del Teatro New York Cherry Lane, alcuni anni dopo la nascita del suo primogenito, Leonard, che la osservava provare da dietro le quinte. Alla fine però, la recitazione non la completava come creare soluzioni per il trattamento della pelle. “Desideravo vedere il mio nome sui cartelloni, ma bramavo ancora di più averlo sulle confezioni di una crema.

Nata per la Bellezza

Nipote di un chimico di origine ungherese, Estée è stata educata fin da bambina nell’arte dei trattamenti per il viso.

Il potere di un nome

Josephine Esther Mentzer è nata a New York. I suoi genitori, Rose Schotz, una bellissima donna ungherese, e Max Mentzer, un uomo d’affari cecoslovacco che amava passeggiare di domenica con guanti e bastone, la chiamarono Esty, che divenne Estée quando iniziò ad andare a scuola. La questione del nome fu presto risolta, ma c’era un altro dettaglio che non fu mai ufficialmente rivelato: la sua data di nascita. “Mi chiedi quanti anni ho? Ti dico che non importa”, divenne la sua famosa risposta alla domanda sull’età. Dopo tutto era convinta che la vera essenza della bellezza risiedesse nella luminosità, non in un numero.

Una fortuna genetica

“La prima cosa bella di cui ho memoria è mia madre” diceva Estée. Alcuni dei suoi primi ricordi riguardano proprio i rituali di bellezza di sua madre, soprattutto sui trattamenti idratanti per viso e mani per mantenere la sua pelle morbida e idratata. “Le mani raccontano una storia, proprio come un libro” avrebbe detto alla figlia.

Estée incontrò il suo primo amore